Tag Archives: foulard

Un po’ di Sol Levante nell’arredo di casa

18 Apr

Spesso bastano pochi semplici dettagli per rendere più gradevole e accogliente la propria casa: un tocco di colore sulle pareti, una fresca composizione floreale, tessuti e tendaggi in armonia con il resto dell’ambiente; se poi, come me, avete un debole per l’estetica e il design giapponese, anche un furoshiki può fare la sua parte!

arredo furoshiki geisha

Furoshiki Chirimen

A sinistra e in alto: furoshiki in chirimen
acquistabile su Hamakura Shop

I motivi stampati su questi teli, così ricercati e caratteristici, sono un vero piacere per gli occhi e, sebbene siano in genere studiati per dare risalto a pieghe e nodi, sono perfetti da esibire in tutta la loro bellezza, stesi su un tavolino o esposti alle pareti come delle vere opere d’arte.


Donna che scrive una lettera - Koikawa Harumachi II

A destra: Woman Writing a Letter
Koikawa Harumachi II (1789 – 1804)
fonte: Museum of Fine Arts, Boston

Il furoshiki che vedete in queste foto, ispirato ad una stampa Ukiyo-e, si trasforma facilmente in quadro grazie a una cornice non troppo lavorata o a due bacchette (le classiche astine reggi poster) assicurate ai due lati con gli orli:

arredo furoshiki quadro

Steso su di un cuscino e legato con due nodi ma musubi sul retro, diventerà in pochi secondi una fodera elegante e sicuramente originale:

arredo furoshiki cuscinoPer un guardaroba in perfetto ordine, invece, si potrà chiudere come un pratico sacchetto in cui riporre la biancheria e tutti quei piccoli accessori (cinture, foulard, etc) che in genere vagano sparsi per l’armadio:

arredo furoshiki biancheria

Con dei teli più piccoli in cotone si potranno creare allo stesso modo dei profumabiancheria pieni di potpourri o, al contrario, con dei furoshiki di dimensione più ampia, si potranno riparare gli abiti appesi alle grucce nella cabina armadio, o coprire lo schienale del divano nel salotto.

Altre idee d’arredo, complete di tutte le spiegazioni necessarie, le trovate nell’ultimo capitolo del mio libro.

Annunci

Tutorial: la bomboniera foulard per la laurea

23 Feb

Due lettrici, Martina e Carmela, mi hanno chiesto un’idea per la bomboniera della laurea che vorrebbero realizzare con un foulard.

A mio parere, una bomboniera di dimensioni così ridotte contenente solo i cinque confetti, risulterebbe appesantita dai classici nodi utilizzati per i furoshiki, meglio quindi solo qualche piega ed un nastrino.

Ecco la mia proposta:

bomboniera foulardPer questa bomboniera ho utilizzato:

  • un piccolo foulard 50×50 cm rosso (di fantasia simile a quella che vedete in foto o comunque con un bordo contrastante)
  • un nastrino
  • una gerbera rossa di stoffa
  • i cinque confetti avvolti nel tulle (ho usato quelli bianchi perchè avevo solo questi in casa, ma ovviamente ci vorranno i tradizionali confetti rossi)

tutorial bomboniera foulardProcedimento:

  1. Stendere il foulard con il rovescio rivolto verso l’alto e posizionare i confetti come mostrato in foto
  2. Piegare il lato sinistro (AC) del foulard sopra i confetti
  3. Piegare verso il centro anche il lato destro (BD)
  4. Ripiegare verso il centro lo stesso lato (BD)
  5. Ripetere ancora una volta la piega
  6. Piegare a metà il foulard mantenendo ben visibili le pieghe appena fatte
  7. Chiudere il sacchetto con un nastro e, a piacere, completare con un fiorellino di stoffa

L’esecuzione delle pieghe, che potete vedere meglio nella foto che segue, metterà in evidenza la fantasia geometrica del foulard rendendo la bomboniera un po’ più ricercata e sicuramente diversa dai classici sacchetti cuciti (se poi deciderete di usare un furoshiki giapponese di tipo double face, il risultato finale sarà ancora più bello).

bomboniera foulard pieghe

Come potete notare, l’effetto sarà visibile sia sul davanti che sul retro della bomboniera:

fronte retro bomboniera foulard laurea

_________________________________________________________

Articoli correlati:

_________________________________________________________

Buon Natale!

24 Dic

Tanti cari auguri di Buone Feste da Foulard Creativi  (*^ ・^)ノ⌒☆

 

 

Festa delle Donne: il bouquet di mimose confezionato con un foulard

7 Mar

L’8 Marzo di domani sarà più speciale del solito, infatti proprio quest’anno si celebra il centesimo anniversario dell’istituzione della Giornata Internazionale della Donna.

Perchè non rendere altrettanto speciale il simbolo di questa festa, la mimosa, confezionandone un originale e iperfemminile bouquet con un foulard?

Festa delle Donne. un bouquet di mimose confezionato con un foulard-furoshiki

In foto: mazzetto di mimose avvolto in un piccolo foulard 50x50. Fanno da sfondo alcune riviste femminili dell'epoca (primi Novecento, anni in cui venne riconosciuta a livello internazionale la giornata dedicata alle donne)

 

Trovate tutta la spiegazione per realizzarlo a pagina 40 e 41 del libro “Foulard Creativi”…. buon lavoro e BUONA FESTA!!!

Come trasformare un foulard in un baschetto

21 Feb

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta non era così insolito indossare il foulard sulla testa per tenere l’acconciatura sempre in ordine e al riparo dall’umidità e dal vento, anzi, era di gran moda! Le immagini delle mitiche Audrey Hepburn e Grace Kelly con i loro foulard sono diventate ormai un classico continuando ad essere, nonostante il passare del tempo, icone di stile ed eleganza.

Prendendo spunto da queste grandi dive scopriamo quindi moltissimi modi per trasformare un foulard in copricapi veri e propri: Audrey amava appoggiarlo semplicemente sui capelli piegandolo a triangolo e avvolgendolo sotto il mento, mentre altre note attrici, tra cui non dimentichiamo la nostra Sofia Loren, preferivano annodarlo dietro il collo per un look più semplice ma pur sempre d’effetto.

Generalmente si trattava di acconciature temporanee e se si desiderava togliere il foulard, questo si doveva per forza snodare. Eppure esiste un tipo di annodatura che ci consente di indossare più volte il nostro “cappello-foulard” senza doverlo ogni volta ricreare… l’effetto finale è molto simile ad un baschetto!

baschetto foulard senza cuciture - 1

… per farlo non ho dovuto ricorrere a nessuna cucitura…

baschetto foulard senza cuciture - 2

… mi è bastato fare quattro singoli nodi a un foulard di media grandezza (quello in foto è tra quelli allegati al libro “Foulard Creativi”).

Ecco qui il photo-tutorial:

tutorial baschetto foulard senza cuciture

Ovviamente è possibile utilizzare anche foulard più grandi e regolare la dimensione del basco aumentando o accorciando le lunghezze dei capi annodati, oppure è possibile impreziosirlo ulteriormente lasciando fuori un’estremità modellandola come una rosellina… insomma, largo alla fantasia e buon lavoro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: